Articolo: “Un fiume di tempo libero” per il sito Tevere Cavo, del gruppo Nitro

Un fiume di tempo libero: Riattivare il Tevere attraverso idee mirate allo svago e al divertimento?

In una delle tesi di laurea che più mi hanno incuriosito al seguito dell’ interessante iniziativa “Tevere Cavo”, proposta lo scorso 9 maggio dal team del prof.  Antonino Saggio, ho trovato tra le tante considerazioni dei laureandi una citazione di Alain De Bottom mirata a condire l’esposizione di alcuni progetti referenti. La citazione diceva:

                                                                                                                                                                                                          “Una brutta stanza può condensare i sospetti che nutriamo sull’inconsapevolezza della vita, mentre una stanza illuminata dal sole e piastrellata con mattonelle lucide color miele può rafforzare la speranza che ci portiamo dentro. La fede nell’importanza dell’architettura si fonda sull’idea che tutti noi, nel bene e nel male siamo persone diverse in luoghi diversi e sulla convinzione che sia il solo compito dell’architettura a darci un immagine vivida di ciò che idealmente potremmo essere”.

Ci vedo in questo una relazione all’intero sistema “Tevere Cavo”. Laddove si sia creato un’ immaginario collettivo che faccia dei luoghi pubblici spazi di inattività, è  l’ architettura che è l’incaricata a fondare una nuova idea collettiva di quest’ultimi, dicendo alle utenze “come” viverli, facendo riscoprire loro quelli spazi e creando nuovi dinamismi. Dove potrebbe accadere tale cosa se non a Roma, la città che come scrisse l’etnologo Marc Augé in “Rovine e macerie”, rimaneggiò volontariamente la sua storia in base alle pianificazioni degli architetti a servizio dei regimi. Tuttavia nei progetti esposti al convegno si intravede un’intenzione fine ad una nuova convivenza tra fiume e cittadini, pregna di attività 3.0, spesso di carattere sociale, che sfruttando le qualità naturali del Tevere cercano di riavvicinarlo alla realtà cittadina facendo di esso un valore aggiunto. Direi che la domanda precedente all’intero programma è il rapporto che la città di Roma ha avuto e vorrà avere con il proprio fiume: Qual è il suo rapporto attuale? E la sua storia? Perché fin dall’ edificazione di quei famosi “muraglioni” si è sempre cercato un distacco funzionale tra la vita cittadina ed il suo coattivo utilizzo?  Questo per dire che il Tevere a Roma, non deve per forza trasformarsi in un grande parco divertimenti per turisti (in quel caso non sarebbe più nulla di altro) ma è forse attraverso questo tipo di attrazioni che si può avvicinare l’individuo, cambiando il rapporto che quest’ultimo ha con il suo fiume.

 Su questo mi ha fatto riflettere un componente del gruppo organizzativo quando ha detto che nelle città europee sviluppatesi durante l’ epoca moderna con attività in aree fluviali, non sono state le istituzioni a fare il tutto, ma il sensibile intervento dei privati che attraverso iniziative imprenditoriali puntuali ed autonome, hanno permesso la rinascita della vita al ridosso del fiume e la crescita dell’appartenenza nei suoi confronti. Tuttavia voglio considerare tra i tanti, la proposta di Michela Falcone “Water Playground: piscine galleggianti all’interno del sistema Tevere Cavo” (http://www.arc1.uniroma1.it/saggio/DIDATTICA/Tesidilaurea/Falcone/index.htm) perché questa, insieme a poche altre interviene proprio con l’obbiettivo di riavvicinare i cittadini attraverso attività puntuali che permettono all’utente di passare del tempo libero  all’insegna del relax o dell’informazione.                                                                                                                                                                  La tesi viene presentata da ricerche storiche e sociologiche, che vanno da una App che segnala la “felicità collettiva delle città”, a proposte architettoniche come istallazioni pensate per abbinare allo svago, l’ utile soddisfacimento di esigenze come monitorare, depurare o imparare dal fiume.

 

T_05

L’acqua, oltre ad essere parte componente della nostra vita, è anche elemento imprescindibile e ostacolante dei nostri habitat, tanto che entrandoci in contatto siamo consapevoli che essa implica l’attivazione di una serie di vincoli motori che non ci appartengono sulla terra ferma; Questo per la sociologia comporta la nascita di nuove modalità relazionali tra gli individui. E’ ormai dimostrato da statistiche di carattere internazionale, che le città con il più basso tasso di stress nelle persone, sono quelle che hanno meno sofferenza urbana, quindi un rapporto equilibrato con l’acqua, in ogni sua manifestazione. Un lago o una piscina, seppur con notevoli diversità fisiche e morfologiche, per l’uomo contemporaneo rappresenta uno spazio dove la relazione e lo svago sono attività spontanee.

 

2

Tuttavia la tesista interviene successivamente con un’ accurato progetto architettonico: Un centro polifunzionale galleggiante in prossimità delle sponde, all’altezza del quartiere Flaminio.

 

4

Il progetto si presenta morfologicamente come una composizione di bolle in vetro e acciaio disposte in modo quasi casuale, unite da un’ elemento “mesh” che al livello dell’acqua ospita dei playground con passeggiate coperte, mentre in quota vi è la simulazione orografica di un terreno, che ha il ruolo di un vero e proprio parco urbano attrezzato. Nelle bolle albergano delle piscine sportive, un’area termale, un’ acquario ed altre iniziative inerenti. Un’ imput interessante di questo progetto, è sicuramente quello di depurare le acque del Tevere facendone un’utilizzo per le attività in questione. Credo che se spetta a qualcuno questo cambiamento, potrebbero essere iniziative simili che lavorando sulle basi della società riescano a dare una netta svolta all’ attuale problema dell’uso del Tevere; Probabilmente in altre città del Nord Europa,  avrebbero già avuto le più meritate considerazioni.

Negli ultimi anni infatti, problematiche mondiali come l’inquinamento delle metropoli, hanno dato vita a riflessioni legate all’ “abitare le acque”: Sono nati progetti utopici pensati da studi di fama mondiale come intere città sull’acqua, piattaforme polifunzionali finanziate da enti pubblici e privati o istallazioni artistiche.

The Floating Piers dell'artista Christo

Basterebbe citare l’opera “floating piers” dell’ artista Bulgaro Christo, che da anni riflette sulla Land art e cerca soluzioni diverse per creare “spazi di aggregazione” provvisori sulle acque di tutto il mondo. I suoi lavori sono un vero e proprio ponte culturale tra la società, l’arte ed il paesaggio. L’opera fatta nel 2016 sul lago Iseo ad esempio, ha avuto un notevole impatto mediatico. *Nella prima settimana più di  1 milione e 300 mila persone l’hanno visitata, mentre a Maggio del 2017, a più di un’ anno dalla sua istallazione, il Lago di Iseo ha  aumentato la  navigazione del +30% e  gli arrivi turistici di il 38%, dando vita a nuove attività in ogni campo.  Intervenire ai giorni d’ oggi in un area, tramite istallazioni ludiche o all’insegna dello svago, significa creare infrastruttura commerciale, aumentare il valore di un luogo e pianificarne il suo sviluppo.

“A.R.T.E.”, “Eco-connection”, o “P.E.R. Flaminio” sono interventi messi al posto giusto, mirati ad essere i cavalli di troia di una nuova modalità di vivere i luoghi acquatici della capitale. Lo scorso anno mi occupai di un intervista rivolta a dei ragazzi che proprio in prossimità del Tevere, avevano fatto di un area di pertinenza ricavata tra i pilastri del recente Ponte della Musica, un luogo di aggregazione, un parco Underground per attività. (https://pietrofiori.wordpress.com/2017/05/03/il-cliente-i-ragazzi-del-parco-urbano-autonomo-a-p-zza-gentile-da-fabriano/) Questo dimostrebbe quanto siano apprezzabili proposte simili dalle comunità di quartiere.

Pertanto Tevere cavo, come il lavoro dell’artista Christo dovrebbero essere motivo di riflessione per  le istituzioni che hanno la responsabilità del fiume a Roma, cosi il Tevere non sia più solo un’ ostacolo visivo e funzionale  da mettere nel romantico immaginario di una cartolina turistica.

Pietro Fiori

 

Marc Augé, Rovine e macerie: il senso del tempo, 2004;

*Articolo de “La stampa”:                                                (http://www.lastampa.it/2017/06/17/milano/sul-miracolo-del-floating-piers-lago-anno-dopo-linstallazione-diseo-christo-visitata-da-milione-turisti-mila-persone-continua-lafflusso-di-ygf8Nj58znQKf54iYhqdxN)

A.R.T.E.                                                                (http://www.arc1.uniroma1.it/saggio/Didattica/Cad/2014/)

Eco-connection                                                          (http://www.econnection.altervista.org/project.php)

P.E.R. Flaminio (http://www.arc1.uniroma1.it/saggio/Didattica/Tesidilaurea/Tassetti/index.htm)

Water Playground  (http://www.arc1.uniroma1.it/saggio/DIDATTICA/Tesidilaurea/Falcone/index.htm)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...